La Psicobiotica si interessa di come il Microbiota Intestinale, l’intestino e il suo sistema nervoso siano in grado di influenzare e di regolare le funzioni del Cervello e, in conseguenza di ciò, di contribuire al mantenimento del nostro Benessere Mentale. Queste sono, in estrema sintesi, le dimensioni teoriche che definiscono il concetto di Psicobiotica.

In realtà ogni parte del nostro corpo genera segnali biochimici e nervosi indirizzati verso aree inaspettate: la psicobiotica ha come oggetto primario di interesse il dialogo tra il cervello, ovvero la parte più nobile di noi, e l’intestino che rappresenta, perlomeno nell’immaginario classico, la zona del nostro corpo più “sporca”, adibita allo smaltimento delle feci, intese come scorie prive di valore. Quello che sappiamo è che il sistema nervoso, l’immunologico e l’endocrino producono rispettivamente neurotrasmettitori, citochine ed ormoni in ogni area del nostro corpo. Recentemente si è potuto osservare come anche la distinzione tra vari mediatori (citochine, ormoni e neurotrasmettitori) e vari sistemi (nervoso, immunologico e ormonale) sia utile a fini di studio e classificazione ma abbia poco senso sul piano della fisiologia “reale” del nostro organismo. Possiamo affermare che i tre sistemi sopra descritti lavorino per produrre dei Mediatori di Informazione, spesso comuni o molto simili, nell’ottica di una connessione totale e senza soluzione di continuo di tutto il corpo. Ad esempio i Neuropeptidi, alcune decine di molecole proteiche attive sul tessuto nervoso, sono prodotti non solo nel cervello o nel midollo spinale ma in ogni anfratto del nostro organismo, e nel tratto intestinale in particolare, avendo come bersaglio sistemi recettoriali presenti anch’essi in ogni tessuto, non solo in quello nervoso. A cosa servono i Neuropeptidi? Insieme alla trasmissione nervosa elettrica, essi sono il substrato biochimico della nostra mente, ovvero della nostra consapevolezza, delle nostre emozioni e delle nostre capacità cognitive. Moltissimi neuropeptidi sono prodotti e hanno come target il Sistema Limbico del nostro cervello, la sede principale degli elementi emozionali della nostra psiche, allo stesso modo sono presenti ed influenzano i sistemi ormonali, quelli linfatici e sono prodotti ed influenzano il nostro intestino anche grazie al ruolo della massa di tutti i microorganismi che compongono il Microbioma presente al suo interno. Discorso simile potremmo fare per gli ormoni e per le citochine. Ormai tutti danno per scontato, sia sulla base di osservazioni intuitive che di centinai di anni di epistemologia, di come esperienze emotive di rilievo possano influenzare il corpo ed i suoi sistemi ormonali ed immunitari, nel bene e nel male. La sfida attuale della medicina sarà quella di fare chiarezza sul modo in cui tutto ciò avviene, e la Psicobiotica è parte di questo percorso di conoscenza.

L’esistenza di una connessione tra cervello ed organi interni, intestino in particolare, è un dato intuitivo piuttosto evidente sia per molti medici che per molti pazienti. Il dato di fatto che molte condizioni emotive vengano percepite prevalentemente a livello somatico, ovvero dello stomaco, del cuore o dell’intestino, rappresentano un patrimonio di esperienza per ogni essere umano tanto evidente quanto misterioso nei suoi meccanismi profondi. L’enorme popolazione di batteri ed altri micro-organismi che popolano il nostro intestino (ma anche la nostra cute, i genitali ed il tratto respiratorio) prende il nome di Microbiota o anche di Microbioma, se ci si riferisce in particolare alla totalità del patrimonio genetico di questi stessi micro-organismi.

Il Microbiota è quindi una “massa vivente” che noi ospitiamo all’interno ed all’esterno del nostro corpo, che risulta essere in stretta comunicazione con gli altri organi, e che può subire modificazioni esogene ed endogene, positive e negative, sia da parte del mondo esterno che mediante le connessioni con le restanti parti del nostro organismo.

Presto uscirà un pdf che racchiuderà ulteriori informazioni su tale argomento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.