Propiocezione

La propriocezione rappresenta la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio, anche senza il supporto della vista. La propriocezione assume un’importanza fondamentale nel complesso meccanismo di controllo del movimento.

La maggior parte delle conoscenze attuali sulla propriocezione derivano dagli studi effettuati sui fusi neuromuscolari. Quest’ultimi, insieme agli organi muscolo-tendinei di Golgi ed ai meccanocettori articolari forniscono alla corteccia ad ai centri superiori tutte le informazioni necessarie di tipo propriocettivo , indispensabili per l’esecuzione di compiti motori complessi.

come fa il nostro corpo a mantenersi in equilibrio e a stare eretto? Come riesce a rispondere sempre nella maniera migliore alle continue sollecitazioni che riceve dal mondo esterno?
È una complessa struttura anatomica, che si compone di centri e vie nervose e di strutture, come ad esempio i muscoli, che rispondono ai comandi che arrivano dal sistema nervoso. C’è un continuo scambio di messaggi tra l’ambiente
esterno e quello interno, quasi una centrale telefonica che smista le informazioni tra muscoli, tendini e sistema nervoso centrale.

Gli sportivi quando subiscono un trauma possono sottoporsi a un programma di esercizi propriocettivi per “rieducare” i riflessi e ottenere nuovamente un controllo ottimale dell’organismo, sottoponendo l’organismo e la parte anatomica che si vuole rieducare (ad esempio: una caviglia con una distorsione) a continue sollecitazioni controllate. Si utilizzano a tale scopo le tavolette instabili (tavolette propriocettive) anche al fine di affinare gesti atletici non corretti e prevenire infortuni: l’esercizio propriocettivo è una stimolazione neuromotoria nella sua totalità.

Io utilizzo la tavola propiocettiva acquistata su Amazon, cliccate sul link in blu⬆️,la trovate ad un prezzo hbassissimo😉

Annunci